13 Maggio 2020

Facebook – Azioni da comprare ? (pubblicato alle ore 10:26)


Translate this page

corso di trading online

Facebook – Azioni da comprare ?

Facebook (Nasdaq: FB ) ha recentemente riportato i risultati del primo trimestre che non hanno impressionato il mercato. Ma mentre le interazioni sociali diventano virtuali (almeno fino al perdurare della pandemia) e i mercati degli annunci iniziano a riprendersi, le azioni stanno iniziando a perdere terreno – ieri a chiuso a +1,44%. D’altra parte, come ho già segnalato più volte, il Nasdaq è arrivato a valori da bolla e qualche dubbio sulla sua tenuta inizia a serpeggiare

Grafico Nasdaq al 13 maggio 2005

nasdaq1305

Dati finanziari di Facebook

Vediamo insieme cosa hanno raccontato quelli di Facebook ai mercati finanziari.

I ricavi del primo trimestre di Facebook sono cresciuti del 18% nel corso dell’anno, raggiungendo $ 17,74 miliardi, in vista delle stime del mercato di $ 17,48 miliardi. L’EPS rettificato è stato di $ 1,71, mancando la previsione del mercato di $ 1,75.

La società ha affermato di aver subito una significativa riduzione della domanda pubblicitaria durante il trimestre a causa del virus. E infatti il titolo dal 19 febbraio al 18 marzo ha perso il 36,5%. Ma l’uso della piattaforma di social media da parte degli utenti per comunicare con i loro amici e familiari durate la pandemia, è stato impressionante. Il numero di utenti attivi giornalieri per l’app principale di Facebook è cresciuto dell’11% nel corso dell’anno a 1,73 miliardi e gli utenti attivi mensili sono cresciuti del 10% a 2,6 miliardi. Il numero di persone attive sull’intera galassia dei loro prodotti, inclusi WhatsApp e Instagram, è cresciuto dell’11% a 2,99 miliardi di persone al mese nel trimestre. Gli utenti attivi giornalieri su queste applicazioni sono cresciuti del 12% a 2,36 miliardi. Facebook si rende conto che alcune di queste metriche diminuiranno una volta allentate le condizioni di blocco, e qui sta il punto sull’attuale valutazione. Di quanto diminuiranno ?

Per segmento, i ricavi pubblicitari sono aumentati del 17% a $ 17,44 miliardi e i ricavi da altri servizi sono cresciuti dell’80% a $ 297 milioni.

Date le condizioni economiche globali, Facebook vedrà ridotte le spese all’interno delle sue linee di spesa per viaggi, eventi, marketing e personale. Quindi minori costi, e questa è una buona notizia. Tuttavia, prevede di continuare a investire nello sviluppo del prodotto e di reclutare talenti tecnici. Inoltre, finora ha investito oltre $ 300 milioni (almeno cosi dice) per aiutare la comunità durante la crisi. Date le incertezze, Facebook non ha fornito prospettive per il trimestre.

Le aree di interesse di Facebook

Facebook si sta concentrando su segmenti di e-commerce e video per favorire la crescita del suo business nell’attuale pandemia. Il mese scorso, ha annunciato una serie di nuovi miglioramenti del prodotto di live video conference. Si sta concentrando su tre aree video chiave: videochiamate, sale video e video in diretta. La videochiamata è uno dei tipi di chat video più utilizzati e tra WhatsApp e Messenger ha registrato oltre 700 milioni di attivi al giorno . Durante la crisi, ha notato che queste videochiamate sono raddopiate, soprattutto per gli utenti di WhatsApp, che infatti è anche andato in crisi.

Per le video conference room, ha annunciato un nuovo prodotto chiamato Messenger Rooms che consente agli utenti di creare una sala per qualsiasi evento . Gli utenti possono condividere i collegamenti di questi eventi o persino consentire ad altri utenti di scoprire direttamente le sale tramite Facebook. Sta anche vedendo come alcuni utenti utilizzano video conference room in modo spontaneo invece di usarle come eventi pianificati come parte delle loro attività social.

Infine, il video live consente agli utenti di vivere principalmente eventi fisici in streaming. Questa forma di video è diventata particolarmente importante in questo periodo di pandemia quando la maggior parte degli eventi live fisici sono stati annullati. tra gli altri, il video live viene utilizzato per lo streaming della messa settimanale del Papa e anche per i DJ per ospitare feste da ballo su Instagram. Facebook ha evidenziato che ogni giorno oltre 800 milioni di utenti al giorno si sono impegnati con streaming live, corsi di allenamento, concerti e altro ancora. Un business enorme se pensate a quanta pubblicità si può canalizzare in questi video, oltre alla possibilità di offrire streaming video a pagamento da parte degli utenti stessi, in una logica di revenue sharing, come ha già fatto Vimeo e fare YouTube.

Non solo video però

Oltre ai video, Facebook si sta concentrando sul miglioramento della sua offerta di e-commerce, soprattutto per le piccole imprese. Con il lockdown globale, la maggior parte dei consumatori ha dovuto rivolgersi in fretta ai negozi digitali. Facebook sta lavorando per garantire che le piccole imprese abbiano esperienze impressionanti per i loro clienti consentendo loro di elencare l’inventario e completare intere transazioni online. Ad esempio, ha recentemente annunciato l’intenzione di stringere una partnership con le piattaforme Jio in India. Jio gestisce JioMart,  la sua iniziativa per le piccole imprese che collega i piccoli negozi in tutta l’India con WhatsApp. Insieme, Facebook e Jio hanno in programma di portare l’e-commerce su questa piattaforma per offrire una migliore esperienza di acquisto e commercio nel paese.

Tra gli altri servizi di e-commerce, ora consente alle aziende di vendere buoni regalo sia su Facebook che su Instagram in modo che i clienti possano supportare i problemi di flusso di cassa per le piccole imprese. Ha inoltre semplificato il processo di creazione di raccolte di fondi per le imprese locali. Per affrontare i problemi di inventario affrontati dalle piccole imprese, ha lanciato un servizio temporaneo che semplifica il modo in cui le aziende condividono informazioni importanti come aggiornamenti dell’inventario, dettagli sulla spedizione o nuovi modi di acquistare articoli.

Valore in borsa e prospettive dal punto di vista dell’analisi tecnica

E veniamo al punto, le azioni di Facebook sono da comprare ?

Ad oggi – 13 maggio 2020 – le sue azioni sono scambiate a $ 211 con una capitalizzazione di mercato di $ 605 miliardi. Ha toccato un massimo di 52 settimane di $ 224,20 il 29 gennaio 2020. Ha toccato un minimo di 52 settimane di $ 137,10 a marzo di quest’anno, quando la maggior parte delle azioni ha subito un crollo.

Link al grafico daily di Facebook

facebook1305

Dal punto di vista dell’analisi tecnica, gli indicatori che utilizzo dicono che il trend di crescita è positivo, che però negli ultimi giorni si è indebolito. Abbiamo raggiunto i massimi precedenti raggiunti prima della crisi. C’è poca visibilità per quanto riguarda il trimestre in corso. Inoltre la crisi del Covid-19 ha colpito moltissimo lo small business che è il segmento di riferimento maggiore per Facebook, per quanto riguarda la raccolta pubblicitaria. E’ quindi prevedibile che il prossimo trimestre sarà negativo. Inoltre, parlando di Nasdaq, siamo a valutazioni stratosferiche e – dal mio punto di vista – lontane dalla realtà. E quindi sono azioni da comprare ora quelle di Facebook ?

Grafico di Facebook Settimanale 

facebook1305w

Secondo me no. Non ora. Innanzitutto perchè non si compra mai sui massimi, ma almeno si aspetta una loro violazione verso l’alto, sostenuta dai volumi. Inoltre mi aspetto uno storno dell’indice di riferimento e del titolo stesso, per almeno scaricare un po di ipercomprato che si è generato in questo rimbalzo. Un ritorno in area 180$ o anche 170$ sarebbe un buon punto di partenza per cominciare a comprare. Prestando però molta attenzione al fatto che ci sono due minimi storici importanti che stanno più giù. Uno si trova a 122$ e l’altro a 113$ – evidenziati con rettangolo rosso nel grafico settimanale qui sopra. Come al solito procederò per step, con grandissima attenzione.

I segnali di trading online e le analisi pubblicate sono mie riflessioni personali che non costituiscono in alcun modo una sollecitazione al pubblico risparmio. L’analisi di cui sopra non costituisce consulenza personalizzata ne in altra forma, e chi scrive non conosce le caratteristiche personali di nessuno dei lettori, in specie flussi reddituali, capacità a sostenere perdite, consistenza patrimoniale. E’ possibile che chi scrive sia direttamente interessato in qualità di risparmiatore privato all’andamento dei valori mobiliari trattati in questo sito e svolga attività di trading in proprio sugli stessi strumenti citati. Le mie analisi non possono essere utilizzate in alcun modo per agire sui mercati finanziari, chi decide di farlo se ne assume la piena responsabilità ed opera a proprio rischio e pericolo. Inoltre si sconsiglia di aprire posizioni di qualsiasi genere se non si è perfettamente a conoscenza delle dinamiche di mercato e dei notevoli rischi che si corrono operando.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.