21 Gennaio 2022

Jeremy Grantham raddoppia su Crash Call, dice che il Selloff è iniziato (pubblicato alle ore 09:02)

L'anno scorso gli Stati Uniti hanno fatto un'abbuffata di prestiti e la sbornia potrebbe rendere più difficile per la Federal Reserve combattere l'inflazione senza far crollare l'economia.

Translate this page

Jeremy Grantham raddoppia su Crash Call, dice che il Selloff è iniziato

  • Il co-fondatore di OGM prevede un calo di quasi il 50% delle azioni di riferimento

  • L’investitore predilige le azioni di valore all’estero, la liquidità, le materie prime, l’oro

Articolo tradotto automaticamente e senza verifica con Google da Bloomberg.

Articolo originale QUI 

Jeremy Grantham, il famoso investitore che da decenni chiama bolle di mercato, ha affermato che lo storico crollo delle azioni che aveva previsto un anno fa è in corso e persino l’intervento della Federal Reserve non può impedire un eventuale crollo di quasi il 50%.

Jeremy Grantham

In una nota pubblicata giovedì, Grantham, il co-fondatore del gestore patrimoniale di Boston GMO , descrive le azioni statunitensi come in una “super bolla”, solo il quarto del secolo scorso. E proprio come fecero nel crollo del 1929, nel crollo delle dot-com del 2000 e nella crisi finanziaria del 2008, è certo che questa bolla scoppierà, riportando gli indici alle norme statistiche e forse oltre.

Ciò, ha detto, implica che l’S&P 500 scenda di circa il 45% dalla chiusura di mercoledì – e del 48% dal picco del 4 gennaio – a un livello di 2500. Il Nasdaq Composite, già in calo dell’8,3% questo mese, potrebbe sostenere un correzione maggiore.

“Non ero così sicuro di questa bolla un anno fa come lo ero stato per la bolla tecnologica del 2000, o come ero stato in Giappone, o come ero stato nella bolla immobiliare del 2007”, ha detto Grantham in un Intervista a Bloomberg “Front Row”. “Mi sentivo molto probabile, ma forse non quasi certo. Oggi, sento che è quasi certo”.

Nell’analisi di Grantham, le prove sono abbondanti. Il primo segnale di difficoltà a cui punta è arrivato lo scorso febbraio, quando decine dei titoli più speculativi hanno iniziato a scendere. Un proxy, l’ Ark Innovation ETF di Cathie Wood , da allora è crollato del 52%. Successivamente, il Russell 2000, un indice di azioni a media capitalizzazione che in genere sovraperforma in un mercato rialzista, nel 2021 ha seguito l’S&P 500.

Infine, c’era quello che Grantham chiama il tipo di “comportamento pazzo dell’investitore” indicativo di una bolla in fase avanzata: azioni meme, una frenesia di acquisto di nomi di veicoli elettrici, l’aumento di criptovalute senza senso come dogecoin e prezzi multimilionari per non -token fungibili o NFT.

“Questa lista di controllo per una super bolla che attraversa le sue fasi è ora completa e il trambusto selvaggio può iniziare in qualsiasi momento”, scrive Grantham, 83 anni, nella sua nota. “Quando il pessimismo torna sui mercati, ci troviamo di fronte al più grande ribasso potenziale della ricchezza percepita nella storia degli Stati Uniti”.

Studio di regressione sul grafico S&P 500 LOG

Potrebbe, ha detto, rivaleggiare con l’impatto del doppio crollo delle azioni e del settore immobiliare giapponesi alla fine degli anni ’80. Non solo le azioni sono in una super bolla, secondo Grantham c’è anche una bolla nelle obbligazioni, la bolla “più ampia ed estrema” mai vista nel settore immobiliare globale e una “bolla incipiente” nei prezzi delle materie prime. Anche senza un ritorno completo alle tendenze statistiche, calcola che le perdite nei soli Stati Uniti potrebbero raggiungere $ 35 trilioni.

Grantham è un manager di valore tinto nella lana che investe da 50 anni e chiama bolle da quasi altrettanto tempo. Sa che le sue previsioni sono foraggio per gli scettici. Una domanda ovvia: come potrebbe l’S&P 500 avanzare del 26,9% nel 2021, la sua settima migliore performance in 50 anni, se le azioni fossero pronte a crollare?

Piuttosto che smentire la sua tesi, Grantham ha affermato che la forza delle azioni blue-chip in un momento di debolezza delle scommesse speculative non fa che rafforzarla.

“Questo è stato esattamente il modo in cui le grandi bolle si sono rotte”, ha detto. “Nel 1929, i fiocchi erano in calo per l’anno prima della rottura del mercato, erano in calo del 30%. L’anno prima erano aumentati dell’85%, avevano schiacciato il mercato”.

Vedere lo stesso schema che si è verificato in ogni super bolla del passato è ciò che gli dà così tanta fiducia nel prevedere che questa imploderà allo stesso modo.

Grantham imputa la colpa delle bolle degli ultimi 25 anni principalmente alla cattiva politica monetaria. Da quando Alan Greenspan è stato presidente della Fed, sostiene, la banca centrale ha “aiutato e favorito” la formazione di bolle successive prima facendo soldi troppo a buon mercato e poi affrettandosi a salvare i mercati quando sono seguite le correzioni.

Ora, gli investitori potrebbero non essere più in grado di contare su quella put implicita. L’inflazione che corre al livello più veloce degli ultimi quattro decenni “limita” la capacità della Fed di stimolare l’economia tagliando i tassi o acquistando asset, ha affermato Grantham.

“Ci proveranno, avranno qualche effetto”, ha aggiunto. “C’è qualche elemento della put a sinistra. È solo pesantemente compromesso”.

In queste condizioni, il tradizionale portafoglio 60/40 di azioni compensato da obbligazioni offre così poca protezione che è “assolutamente inutile”, ha affermato Grantham. Consiglia di vendere azioni statunitensi a favore di azioni scambiate a valutazioni più basse in Giappone e nei mercati emergenti, detenere risorse per la protezione dall’inflazione, detenere oro e argento e raccogliere liquidità da distribuire quando i prezzi torneranno allettanti.

“Tutto ha conseguenze e le conseguenze questa volta possono includere o meno un’inflazione intrattabile”, scrive Grantham. “Ma ha già sicuramente incluso l’ampiezza più pericolosa del sovrapprezzo degli asset nella storia finanziaria”.

Nasdaq – candela settimanale – raggiunto il minimo precedente e prossimi ad un ritracciamento del 23,6% di Fibonacci
Indice Russell 2000 – candela settimanale – Bucato il ritracciamento del 23,6% di Fibonacci – si procede verso il 38,2% di fibonacci, la base della Kumo e la media mobile ponderata a 200 periodi. Target 1885
SP500 – Candela settimanale. In discesa con test al supporto della media mobile ponderata a 50 periodi. in caso di violazione verso il basso, i prossimi target sono 4277 (minimo precedente) e 4192 (23,6% di fibonacci)

Libri consigliati

Il trading con i pattern di prezzo https://amzn.to/30jtb6M
Trading di profitto. Strategie operative su Forex, azioni e future https://amzn.to/30kdmwL
Analisi ciclica per il trading https://amzn.to/3eqG0Eq
Guida all’analisi tecnica https://amzn.to/3caiM2S
L’analisi tecnica e i mercati finanziari. https://amzn.to/30mbR0Z
Strategie operative per i mercati finanziari https://amzn.to/38mFP9E


Nella sezione Segnali di trading sono disponibili i segnali su candela oraria e giornaliera e settimanale su indici europei, americani e cinesi, su materie prime, azioni varie e bitcoin. Una sezione in continua evoluzione che si arricchisce ogni settimana di nuove analisi. Questo è il link


Calendario economico

Nel calendario economico della Borsa di oggi, che trovate QUI https://aitrading.blog/calendario-economico/ potete controllare eventuali eventi rilevanti che possono influenzare l’andamento delle borse e quindi i risultati del vostro trading online

TwitterL’ analisi tecnica del modello proprietario di AiTrading.blog che trovate pubblicata su queste pagine è effettuata su base dati fornita da Tradingview

I segnali e i grafici presenti su questo sito sono elaborati su dati TradingView

Vuoi restare sempre aggiornato e leggere subito i nostri articoli ?

Iscriviti ! Dopo aver cliccato su "Submit" verifica sempre  - anche nella casella SPAM - la ricezione della conferma all'iscrizione e le future newsletter

I segnali di trading online e le analisi pubblicate sono riflessioni personali che non costituiscono in alcun modo una sollecitazione al pubblico risparmio. Le analisi su questo sito non costituiscono consulenza personalizzata ne in altra forma - Leggi il disclaimer / The trading signals and analysis published on this blog and in the videos, are personal ideas that do not constitute in any way a solicitation to invest. The analysis on this site does not constitute personalized advice - Please read the disclaimer

Partecipa alla discussione

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.